Tu sei qui

Gioielli

  • Spilla in oro con pendente di occhio di Santa Lucia e zanna di cinghiale, denominato Su Puleu (grappolo), realizzata interamente a mano con tecniche di lavorazione tradizionale.

  • Ciondolo in argento e zirconi, caratterizzato da l'allegra immagine di un delfino. Appartiene alla linea Chelos, pensata come omaggio alla Sardegna.

  • Pendente in argento e ossidiana proposto anche come monorecchino. Il gioiello fa parte del progetto dedicato alla memoria delle cose e appartiene alla linea Ricami e Grovigli, nata dalla ricerca su antichi frammenti di tessuto e di ricamo.

  • La coppia di orecchini in filigrana d'argento brunito appartiene alla collezione INKORO, nata all'interno di un progetto promosso da Sardegna Ricerche e curato dall'architetto designer Angelo Mangiarotti.

  • Collana in argento, rame e pirite lavorata a mano a cannello. L’oggetto fa parte della collezione Nuggets composta da tutti pezzi unici e ripropone la superficie e la forma delle pepite allo stato grezzo.

Il settore

La filigrana è ancora oggi la tecnica decisamente più impiegata nell'oreficeria sarda ed è quella che conferisce un preciso carattere identitario alle produzioni locali, grazie soprattutto all'altissimo virtuosismo raggiunto dagli artigiani nel suo impiego.

A questa si sono nel tempo aggiunte nuove tecniche e nuove sperimentazioni, con esiti di grande suggestione e interesse.

Esperienze e percorsi che pur ripercorrendo con rinnovato interesse gli esiti della grande tradizione orafa isolana, si aprono ad audaci e interessanti contaminazioni, seguendo istanze vicine al più moderno design.

Un patrimonio locale, un valore aggiunto, che accostato alla ricerca di forme nuove, pur ricche del ricordo della tradizione, ha condotto gli artigiani a realizzare delle collezioni assolutamente moderne, arricchendo di nuova linfa un patrimonio di conoscenza e manualità.